I nuovi nidi di Terna per le cicogne

Febbraio è stato un mese importante per le cicogne bianche dell’Oasi: anzitutto perché, già in questo mese, sono iniziati i primi corteggiamenti che poi porteranno alla nascita dei nuovi cicognini nella prossima primavera, ma quest’anno anche per un motivo in più. Terna Spa, proprietaria dei tralicci elettrici presenti anche nella nostra palude, ha deciso di aiutare la cicogne che sostano nell’Oasi di Cervara mettendo in sicurezza queste strutture.

Il nido del 2017 sul traliccio Terna

Già l’anno scorso una coppia di cicogne aveva deciso spontaneamente di costruire il proprio nido colonizzando il traliccio presente alle spalle della grande voliera. Qui, i genitori sono riusciti ad accatastare una grande quantità di legna e in questo nido, a 25 metri da terra, hanno cresciuto con successo tre cicognini che, nel mese di luglio, si sono involati. Nel mese di Settembre le giovani cicogne sono poi partite per la loro prima migrazione.

Da questa esperienza, Terna ha deciso di installare su due tralicci altrettante piattaforme circolari realizzate appositamente in metallo che, da un lato aiutino le cicogne nella costruzione del nido, e dall’altro pongano in sicurezza la linea elettrica da eventuali cadute di materiali.

Damiano Landi racconta l’intervento di Terna

I tecnici Terna che hanno condotto l’installazione dei nidi

Al lavoro in quota per installare il nido

Grazie al lavoro di coordinamento di Damiano Landi, Responsabile Business Territoriale per il Nord-Est, e dei  tecnici dell’Unità Impianti di Vittorio Veneto guidati da Cesarino Genovese, sabato 17 e domenica 18 Febbraio, sotto gli occhi stupiti dei bambini della Scuola Primaria di Santa Cristina, gli uomini di Terna hanno scalato i tralicci e  installato queste due nuove piattaforme. Una prima buona notizia è che già pochi giorni dopo l’installazione, le cicogne hanno apprezzato questo intervento occupando rapidamente le nuove “case”. Un piccolo ma significativo passo avanti per coniugare le attività dell’uomo con la riscoperta della natura.

Con il sostegno di